La “Carestia non è una dieta”: con LVIA per tutelare la vita oggi e dare speranza per il domani

Questo slideshow richiede JavaScript.

Per il Burkina Faso il 2012 è stato un anno molto difficile. A causa delle piogge insufficienti nel corso della campagna agricola precedente, i raccolti sono stati deficitarii e tutte le regioni, tutte le famiglie sono state colpite e molte

non hanno avuto abbastanza cibo per nutrirsi quotidianamente. Per aiutare le fasce più povere e vulnerabili colpite dalla crisi alimentare, la LVIA ha agito in due ambiti: lotta alla malnutrizione infantile severa e, in un’ottica di prevenzione della malnutrizione, supporto all’agricoltura locale, basata principalmente su attività di sussistenza.

Nella regione del Centro Ovest, nello specifico nei distretti di Réo e Nanoro, dove LVIA opera con Medicus Mundi nella lotta alla malnutrizione infantile, su 100.000 bambini dai 6 mesi ai 5 anni di età monitorati, 40.400 sono stati considerati affetti da malnutrizione. Di questi, 400 sono colpiti in modo irreversibile da malnutrizione severa e 40.000 sono affetti da malnutrizione moderata che, anche se non mette a repentaglio le loro vite, può causare gravi danni allo sviluppo psico-fisico.

Nel 2012 LVIA ha distribuito dei viveri, essenzialmente miglio e mais, a 1.130 famiglie identificate con i servizi sociali e le autorità locali nel nord del paese. Inoltre, con una strategia di prevenzione, per sostenere i contadini nel rilancio della produzione nella campagna agricola 2012, LVIA ha distribuito a 500 produttori dell’associazione contadina ASK, sementi di niébé di Kapelga (fagioli) e di mais.

Dal momento che nel Sahel le crisi sono sempre più cicliche e ricorrenti, Ousmane Ag Hamatou, referente della LVIA per la crisi alimentare nel Sahel, afferma: “Oltre a realizzare interventi puntuali diventa ancor più necessario rafforzare la capacità delle comunità di reagire agli shock, proprietà definita in termini tecnici “resilienza”. In questa logica, è stato formulato un progetto per rafforzare la resilienza degli allevatori del Sahel, nel nord del Burkina Faso, nella prevenzione e gestione delle crisi alimentari. Le attività, che inizieranno nel 2013, sono proposte con il Centro Regionale delle Unioni del Sahel (CRUS), partner di lunga data della LVIA e attore fondamentale per l’appoggio al mondo pastorale in Burkina Faso.”

La Carestia non è una dieta è una Campagna LVIA che ha l’obiettivo di raccogliere 100.000 euro a sostegno delle azioni nell’aera per la cura della malnutrizione per 1500 bambini e per aiutare 500 famiglie a iniziare la nuova campagna agricola.

Tutti possono sostenerci con un sms e/o chiamata da fisso al numero unico solidale 45599.

Annunci